Contenuto nascosto perchè non hai accettato i cookie di marketing

Modifica il consenso

Il Trova Eventi

Qui trovi tutti gli eventi per poter programmare il tuo tempo libero a Imperia e dintorni

FEDERICO BUFFA - DUE PUGNI GUANTATI DI NERO

ore 21:00

È una delle immagini più famose del Novecento, quella in cui Tommie Smith e John Carlos si trovano sul podio dei 200 metri alle Olimpiadi a Città del Messico, il 16 ottobre 1968, con i pugni alzati, i guanti neri (simbolo del black power), i piedi scalzi (segno di povertà), la testa bassa e una collanina di piccole pietre al collo (“ogni pietra è un nero che si batteva per i diritti ed è stato linciato”). Smith e Carlos facevano parte dell’Olympic Project for Human Rights e decisero di correre alle Olimpiadi nonostante il 4 aprile Martin Luther King fosse stato assassinato (e molti altri atleti avessero deciso di non partecipare).
Tommie Smith arrivò primo (stabilendo il nuovo record mondiale dei 200 metri), Carlos terzo.
Sul quel podio salì sul secondo gradino Peter Norman, un australiano che per solidarietà con i due atleti afro-americani indossò durante la cerimonia la coccarda dell’Olympic Project for Human Rights.

Federico Buffa è un giornalista, e telecronista sportivo italiano.
Oltre alla sua attività di telecronista di basket e commentatore sportivo, Buffa ha condotto alcune trasmissioni antologiche sempre a tema sportivo, nelle quali ha dimostrato – secondo Aldo Grasso – di “essere narratore straordinario, capace di fare vera cultura”.

Quando?

Domenica 10 Maggio 2020


Dove?

Teatro Moretti - Pietra Ligure - SV Indicazioni Stradali


Per ulteriori informazioni e dettagli

Clicca Qui

cultura@comunepietraligure.it

+39.01962931344

Rimuovi
Rimuovi
Rimuovi

Contenuto nascosto perchè non hai accettato i cookie di marketing

Modifica il consenso

Contenuto nascosto perchè non hai accettato i cookie di marketing

Modifica il consenso

Hai un evento da inserire? Clicca qui, è gratis!

Contenuto nascosto perchè non hai accettato i cookie di marketing

Modifica il consenso